Il silenzio del corpo. Antropologia della disabilità

Il silenzio del corpo Antropologia della disabilit Robert Murphy era nel pieno di una brillante carriera da antropologo quando avvert i primi sintomi di una malattia che lo avrebbe condotto in un odissea ben pi impegnativa di una qualsiasi spedizione

  • Title: Il silenzio del corpo. Antropologia della disabilità
  • Author: Robert Murphy
  • ISBN: 8859013534
  • Page: 404
  • Format:
  • Robert Murphy era nel pieno di una brillante carriera da antropologo quando avvert i primi sintomi di una malattia che lo avrebbe condotto in un odissea ben pi impegnativa di una qualsiasi spedizione in Amazzonia un tu al midollo spinale, progredito lentamente e irreversibilmente in tetraplegia In questo libro avvincente, commovente e vero, Murphy usa la sua esperienza personale per esplorare le paure, i miti, le miscredenze della societ riguardo i disabili Il risultato un racconto su come la disabilit ogni tipo di disabilit compromette l identit delle persone, il loro ruolo sociale, le loro relazioni, facendole allo stesso tempo bruciare di un a per la vita ancora pi feroce.

    • ☆ Il silenzio del corpo. Antropologia della disabilità || è PDF Download by ê Robert Murphy
      404 Robert Murphy
    • thumbnail Title: ☆ Il silenzio del corpo. Antropologia della disabilità || è PDF Download by ê Robert Murphy
      Posted by:Robert Murphy
      Published :2019-03-12T14:35:33+00:00

    About "Robert Murphy"

    1. Robert Murphy

      Robert Murphy Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the Il silenzio del corpo. Antropologia della disabilità book, this is one of the most wanted Robert Murphy author readers around the world.

    254 thoughts on “Il silenzio del corpo. Antropologia della disabilità”

    1. Un testo assolutmante imprescindibile per chi si occupa di disabilità e persone con disabilità dal punto di vista sociologico, antropologico e filosofico. Un testo utile per amministratori pubblici e personale dei servizi sanitari che troppo poco approfondiscono il vissuto delle persone per cui operano.


    Leave a Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *